Charles Manson – verità nascoste

La questione principale è il tempo.
Trovare il tempo per cercare informazioni, ragionarci sopra e farsi una reale opinione, e l’occasione per accorgersi che vale la pena di farlo.

Il tempo è il vostro, l’occasione speriamo di darvela noi con questo articolo.

Ci sono molte pubblicazioni, sul web e non, sulla storia di Charles Manson, noi abbiamo scelto un articolo di un sito che affronta la questione soprattutto dal punto di vista legale, dei fatti, della storia del processo, con qualche opportuna riflessione.

Crediamo ne valga la pena. Buona lettura.

 

Charles Manson – un caso assurdo

Il caso in sintesi.

La mattina del 10 agosto del 1969 in una villa di Bel Air a Los Angeles, al numero 10050 di Cielo Drive, vengono ritovati i corpi di 5 persone, orrendamente massacrati. Si tratta di persone note nel mondo degli affari e dello spettacolo: Sharon Tate (moglie del regista Roman Polanski) uccisa con diverse coltellate mentre era incinta di 8 mesi; Abigail Folger, figlia di un magnate dell’industria e il suo amante Voityck Frykowski; Jay Sebring, un parrucchiere di fama internazionale; e un giovane studente capitato lì per caso, Steven Parent.

Il giorno dopo un’altra coppia viene trovata orrendamente massacrata con modalità analoghe: Leno LaBianca e Rosemary LaBianca.

Le vittime vengono accoltellate decine di volte (Rosemary LaBianca 41 volte, Leno 12, oltre ad avere una forchetta infilata nel ventre e un coltello alla gola, e alcune di esse hanno il cranio sfondato). La profondità delle ferite è eccessiva (13 centimetri) e la larghezza anche (3 o 4 centimetri) tanto da far supporre che non sia stato usato un coltello ma un altro tipo di arma non identificata.

L’analogia tra i due delitti, oltre che per l’efferratezza di essi, sta nella scritta “Pig”, vergata con il sangue delle vittime, che viene ritrovata nella stanza della strage. Per la precisione, a casa Polanski viene rinvenuta la scritta “Pig”, a casa LaBianca la scritta “death to pig”.

Nessuna traccia, nessun indizio, nessun sospetto per diverse settimane.

Il padre di Sharon Tate non è una persona qualunque, ma un colonnello dei servizi segreti. Mentre la polizia brancola nel buio, anche lui conduce, in proprio, un’indagine personale, ma non verrà a capo di niente. Nessun sospetto, nessun indizio.

A un certo punto la svolta: alcune persone confessano gli omicidi e si autoaccusano della strage, coinvolgendo il leader della comunità hippie in cui vivevano, Charles Manson.

I colpevoli quindi vanno rinvenuti in una comunità che viveva nel deserto e si manteneva con mezzi di fortuna (rovistavano nella spazzatura dei supermercati, ad es., furti, ecc.). Erano quasi tutte ragazze, alcune minorenni, strafatte di droga e alcool: Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Linda Kasabian; unico uomo, Charles Tex Watson.

Nel delitto LaBianca, invece, venne coinvolta anche un’altra ragazza, Leslie Van Houten.

Manson sarebbe stato il leader di questo gruppo (che i media chiameranno “The Manson Family”), una sorta di padre padrone, che esercitava un fascino irresistibile su tutti i membri, e veniva venerato come un Dio.

Manson viene condannato alla pena di morte, commutata poi in ergastolo.

Le prove contro Manson: la testimonianza principale è quella di Linda Kasabian, che si autoaccusa dei delitti sostenendo che sarebbero stati ordinati da Manson (il quale però non partecipò materialmente agli omicidi).

Altri testimoni, pur non essendo presenti al fatto, affermeranno di aver sentito Charlie vantarsi degli omicidi, di aver raccolto le confessioni delle ragazze della banda, e testimonieranno che Manson era un violento che amava uccidere per il gusto di uccidere.

Il movente: secondo il procuratore Vincent Bugliosi, Manson voleva scatenare una rivolta dei neri contro i bianchi, e quella strage doveva dare il buon esempio, innescando la miccia di una rivolta globale. L’idea gli era stata suggerita da una canzone dei Beatles, “Helter Skelter”, e per questo motivo tale movente verrà anche, dai media ufficiali, individuato sinteticamente come “l’Helter Skelter”.

Le armi del delitto? Non vengono ritrovate. Unica arma, una pistola calibro 22 che un bambino ritroverà nella spazzatura e che viene riconosciuta da alcuni testimoni come “una pistola uguale a quella usata la notte del massacro”.

Dunque, in sostanza, non c’è nessuna arma del delitto.

305090-charles-manson

I dubbi, le lacune e le assurdità della ricostruzione ufficiale.

In realtà, analizzata a fondo, la ricostruzione ufficiale non sta in piedi per una serie di ragioni.

1) In primo luogo per la totale mancanza di prove valide, come stiamo per vedere.

2) Nessun elemento fisico e scientifico ricollegherà Manson alle due stragi.

3) Il movente è totalmente strampalato.

4) L’arma del delitto non verrà mai ritrovata.

5) I punti oscuri, non chiari e contraddittori, sono talmente tanti da rendere completamente inverosimile la versione ufficiale.

6) C’è poi un elemento che non viene mai considerato. L’elevato numero di morti collaterali (tra i quali vanno annoverati ad esempio l’avvocato di Manson, Ronald Hughes, e lo zio dello stesso Manson, nonché altri testimoni chiave del processo); un numero tanto alto da far fortemente dubitare che potessero essere commessi dalla “Famiglia”. Trattandosi di una comunità di drogati, strafatti, che camminavano scalzi e vivevano con mezzi di fortuna, non avevano la possibilità di agire con tanta precisione e senza lasciare traccia alcuna.

Iniziando dalla mancanza di testimonianze valide, va detto che la principale testimone, Linda Kasabian, era una drogata con una personalità disturbata. Un soggetto quindi totalmente inattendibile, che al processo dichiarò sia di essere Gesù Cristo che di essere controllata dalle vibrazioni di Manson, il quale non dava ordini, ma semplici “suggerimenti”, che però erano talmente irresistibili che chiunque avrebbe anche ucciso per lui.

Altrettanto inattendibili sono gli altri testimoni. Due dei principali testimoni dell’accusa, ad esempio, Danny De Carlo e Al Springer, appartengono a una banda di motociclisti il cui nome è tutto un programma: gli Straight Satans. Al Springer poi scomparirà nel nulla senza lasciare traccia durante il processo e di lui non si saprà più niente.

Anche le altre ragazze coinvolte hanno personalità squilibrate e drogate, tanto che, per stessa ammissione del procuratore Bugliosi, “sembravano più bambole Barbie che esseri umani”, mentre, in un’altra parte del suo libro, di una di loro ammette: “Era pazza, di questo ero certo, forse non legalmente insana di mente ma pazza lo stesso”.

Alla domanda se Charlie ordinava loro di rubare, Susan Atkins risponderà: “No, lo decidevo da sola. Ero programmata per fare diverse cose”. Programmata non tanto da Charlie, aggiungerà, ma “dall’infinito”.

Eppure è sulla base dei racconti di queste ragazze che viene formulata l’accusa contro Charles Manson.

manson-3 Nella foto: la terribile gang finalmente sconfitta. 

Le testimonianze sono confuse, contraddittorie, lacunose, e in alcuni casi deliranti.

Secondo Virginia Graham, ad esempio, le vittime erano state scelte a caso.

Alcune ragazze dichiareranno che esisteva addirittura un piano per uccidere molti divi di Hollywood; quindi, al contrario della precedente, occorre presumere che ci fosse un piano per eliminare molta gente famosa.
Una di loro dichiarerà che una volta Manson uccise in soli due giorni ben 35 persone.
Ma Charlie era amore, dichiarerà una di loro, e uccideva per amore.

Del resto, anche i riscontri oggettivi alle testimonianze e alle varie deposizioni processuali sono quasi inesistenti.

A Cielo Drive, sulla porta, vengono ritrovate due impronte: quella dell’anulare destro di Charlie Tex Watson e quella del mignolo di Patricia Krenwinkel, sull’infisso di una porta finestra.

Ma per un omicidio del genere le impronte rilevate avrebbero dovuto essere decine o centinaia, non due.

Nella residenza dei LaBianca invece non venne rivenuta alcuna impronta, e il forchettone infilzato nella pancia di Leno LaBianca risultava ripulito dalle impronte.

Dalle testimonianze delle ragazze, poi, risulterebbe che il gruppo di killer era entrato in casa Tate disarmato, tanto da servirsi di coltelli da cucina presi direttamente nella casa; dall’autopsia però risultò che l’arma utilizzata non fosse un coltello, ma qualcosa di molto più grande e largo.

Il movente poi è talmente incomprensibile che, come racconta lo stesso Bugliosi, anche il giudice faceva fatica a capirlo e dovette farselo spiegare più volte (“Non vedo alcuna connessione tra ciò che Manson pensava in astratto sui bianchi e sui neri e un possibile movente”, dirà il giudice al procuratore).
Francamente, anche a leggere il libro di Bugliosi, in realtà, non si capisce la logica che collegherebbe la canzone dei Beatles alla rivolta dei neri contro i bianchi, dal momento che tale canzone non fa cenno ad alcuna rivolta.

Tanto era poco convincente questo movente che l’altro procuratore assegnato al caso sosteneva un’ipotesi opposta, il furto (movente altrettanto strampalato, visto che i portafogli delle vittime della prima strage non erano stati toccati, né venne rubato alcun oggetto di valore dalle abitazioni).

Secondo una delle testimonianze, invece, il movente sarebbe stato “infondere paura nell’establishment”, e secondo un’altra ancora sarebbe stato la vendetta (Manson infatti era stato rifiutato e trattato male da una delle vittime, in passato).
Ma non mancano ulteriori versioni, di criminologi vari, che hanno ipotizzato che dietro ai delitti ci fosse la voglia di Manson di diventare famoso, o il suo desiderio di rivalsa contro i ricchi in generale.

Veniamo ora ad una lista di incongruenze talmente gravi da far dubitare seriamente della versione ufficiale.

Anzitutto è difficilmente credibile che un gruppo di hippie che viveva con mezzi di fortuna potesse introdursi nelle abitazioni, fare una strage, e lasciare al loro posto gioielli e denaro.

Altrettanto incredibile è che potesse commettere un delitto tanto perfetto da resistere alle indagini anche di persone legate ai servizi segreti, come era il padre di Sharon Tate.

Assolutamente impossibile è poi attribuire le decine di morti collaterali alla “Famiglia”, come invece fa Bugliosi; se Manson era l’unica mente del gruppo e gli altri poco più che robot, chi e come avrebbe potuto uccidere tutte quelle persone dopo l’arresto di Charles Manson?

Ma soprattutto: perché Manson avrebbe dovuto far uccidere suo zio o addirittura il suo avvocato (peraltro l’unico avvocato che lo difendesse bene, visto che degli altri Manson ebbe a ridire, tanto da chiedere spesso alla corte di potersi difendere da solo)? Che interesse aveva?

Una delle morti collaterali è quella di Joel Pugh, ex membro della Famiglia Manson, il cui corpo viene ritrovato in un albergo di Londra, accoltellato, senza alcuna traccia o indizio che ricolleghi la vittima ai suoi assassini. Si dovrebbe presumere, quindi, che la “Famiglia” riuscisse a colpire indisturbata anche oltreoceano, il che presuppone però un’organizzazione sofisticata che solo un servizio segreto può vantare.

La cosa assurda è che nessuno si domanderà a chi devono essere attribuiti questi omicidi. Il procuratore si limiterà a dare per scontato che fosse stata la Famiglia, ma la cosa si chiuse lì.

Non sono poi solo le morti collaterali ad essere impossibili da collegare alla Famiglia, ma anche altre circostanze analoghe, tali da far pensare ad un’organizzazione molto più sofisticata e potente. Durante il processo, ad esempio, il procuratore Bugliosi riceve minacce telefoniche continue, tanto che è costretto a cambiare numero; ma le telefonate non cessano, quindi chi le eseguiva era in grado di procurarsi anche il numero riservato del procuratore.
Ma se Manson era in carcere, chi aveva questo potere? Quattro ragazze squilibrate e in alcuni casi minorenni?

Anche il giudice Older ricevette minacce, tanto da temere per la sua vita.

Nelle settimane precedenti al delitto, la famiglia LaBianca si sentiva seguita e spiata. Da chi? Dalla Manson Family, ovverosia da un gruppo di sbandati, mezzi dementi, e senza né arte né parte?

Soprattutto, però, sono i fatti così come sono stati raccontati ad essere inverosimili.

Un gruppo di 5 sbandati, drogati e malvestiti, su ordine “mentale” di Manson, prende l’auto, individuando con esattezza la villa prescelta dal capo, taglia i fili del telefono per isolare la casa (il che significa però che i componenti del gruppo conoscevano il luogo e sapevano come operare, da veri esperti).

Manson, questo genio del male, invia come esecutori del delitto 4 ragazzine fuori di testa, sicuro che non commetteranno errori, che non ci saranno superstiti, e che non verrà lasciata alcuna traccia.

Ed è talmente sicuro di sé che non le dota neanche di particolari armi. Il gruppo parte per commettere una strage praticamente disarmato (unica arma in dotazione una rivoltella calibro 22).

Il quartetto entra in una casa dove sono presenti 5 persone, incurante del fatto che qualcuno degli ospiti potrebbe essere armato, reagire, ecc.; in altre parole, il gruppo di assassini sa il fatto suo e sembra avere una padronanza totale della situazione; le vittime vengono ammazzate all’arma bianca senza che queste oppongano il minimo tentativo di resistenza, eppure Linda, Susan e Leslie erano ragazze minute che pesavano sì e no 50 chili, camminavano scalze, e non avevano mai ucciso nessuno in precedenza.

Dopodiché cancellano perfettamente ogni traccia, tanto che vengono trovate solo due impronte digitali ricollegabili al delitto.

Fuggendo, nonostante abbiano avuto tutto il tempo di agire in tranquillità, non rubano portafogli, orologi, e neanche la droga che si trovava nella casa.

Nella dependance della tenuta, a pochi metri dal luogo della strage, c’era un ragazzo che, nonostante fosse sveglio, non sentirà nulla, né le urla né gli spari.

Il ritorno dopo l’omicidio, secondo Susan Atkins, era originariamente programmato… in autostop.

Una storia assurda, strampalata, e senza alcuna logica.

La simbologia del caso Manson.

Nessuno degli inquirenti nota alcuni particolari curiosi che, a tacer d’altro, avrebbero perlomeno dovuto insospettire.

Roman Polanski al momento del delitto non era in casa, ma in Europa a promuovere il suo film appena terminato: “Rosemary’s Baby”. Il film parla di una donna che mette al mondo un bambino per consacrarlo a Satana (nel finale infatti la donna partorisce), e nel cast figura in veste di consulente nientemeno che il fondatore e leader della Chiesa di Satana, Anton La Vey, l’autore del libro “La Bibbia di Satana”. Il film era quindi qualcosa di più di un semplice film di fantasia.

Ora, a parte la coincidenza costituita dal fatto che Sharon Tate fosse incinta, nessuno nota che la vittima della seconda strage si chiama proprio Rosemary.
Nonostante questa strana, troppo strana coincidenza, nessuno ipotizza neanche lontanamente un collegamento tra la promozione del film e le due stragi.
Né viene notata anche tutta la simbologia intrinseca nel fatto.
Il delitto avviene infatti a Cielo Drive, ad opera di Manson (man son, figlio dell’uomo, Cristo).

In Cielo, quindi, Cristo uccide la Rosa.
Manson, il figlio dell’uomo, vive nella death valley, la valle della morte. Vive cioè nel deserto, ed è senza fissa dimora proprio come – guarda tu che coincidenza – il Cristo dei vangeli: Mt, 8, 20: Le volpi hanno una tana, e gli uccelli hanno un nido, ma il figlio dell’uomo non ha un posto dove riposare.

Manco a dirlo, il primo poliziotto ad accorrere sul luogo del delitto si chiama Jerry De Rosa.
Anche la disposizione e le modalità dell’uccisione fanno pensare ad un delitto rituale.

Infatti, due delle vittime (Tate e Sebring) vengono trovate legate insieme e, guarda caso, un tempo erano amanti. Questo particolare è abbastanza sospetto, e dovrebbe perlomeno fari ipotizzare agli investigatori due cose: che gli assassini conoscessero bene il passato delle vittime (e Manson non lo conosceva) e che potesse trattarsi di una sorta di vendetta. I sospetti cioè sarebbero dovuti ricadere su Polansky, che alcuni considerano tutt’oggi uno dei mandanti della strage, ma nessun investigatore batte questa pista.

Leno LaBianca era proprietario di una catena di ristoranti, e nel ventre gli viene trovato infilzato un forchettone da cucina.

Gli assassini pare cioè abbiano usato una sorta di contrappasso, una modalità troppo sofisticata per poter essere attribuita a 4 ragazzine fuori di testa.

Da ultimo, c’è da segnalare che anche il nome della vittima più importante sembra non essere affatto casuale: Sharon (il versetto biblico del Cantico dei Cantici: “Io sono la Rosa di Sharon, il Giglio delle Valli”, da cui è tratta la simbologia rosacrociana della rosa e del giglio, che sono anche i simboli di Israele).

In altre parole, la rappresentazione posta in essere è questa: in Cielo (Cielo Drive), il Figlio dell’Uomo (Manson), proveniente dalla Death Valley (Valle della Morte), uccide la Rosa.

Articolo completo sul blog di Paolo Franceschetti

feed-cartellone

Leave a comment